Come funziona

Ortodonzia


L’ortodonzia è una parte dell’odontoiatria, che si occupa di correggere la posizione dei denti, migliorando la vostra masticazione, la respirazione e l’aspetto dei vostri denti.

La durata del trattamento dipende dal tipo e dalla gravità del problema, dall’età, dalla risposta individuale e dalla diligenza nel presentarsi agli appuntamenti di controllo e seguire le indicazioni del dentista.

Principali difetti ortodontici

1) Morso aperto: Quando i molari chiudono tra loro, ma i denti anteriori non si toccano.
2) Morso profondo: Quando i molari chiudono tra loro, ma i denti anteriori superiori coprono troppo quelli inferiori
3) Morso incrociato: Quando i molari chiudono, ma qualche dente superiore chiude internamente a quelli inferiori.

Tipi di malocclusione

1) Prima classe: L’arcata superiore è in posizione corretta rispetto a quella inferiore, ma i denti sono affollati, storti o lontani dalla loro posizione.
2) Seconda classe: L’arcata superiore è troppo in avanti o quella inferiore troppo indietro
3) Terza classe: L’arcata inferiore è troppo in avanti, o quella superiore troppo indietro

Le soluzione per i tuoi denti

Principali tipi di apparecchi


Apparecchi fissi: (possono essere messi e tolti solo in studio) sono solitamente
usati negli adolescenti quando quasi tutti i denti permanenti sono presenti.Consistono di attacchi (detti anche brackets) incollati sui denti: ogni attacco è unito agli altri da un filo metallico che può essere modellato o sostituito durante le visite di controllo.

Espansore palatale: allarga un palato troppo stretto, in modo da creare spazio in caso di denti troppo affollati.

Contenzione: Terminata la fase attiva del trattamento, molto spesso, è necessario usare un SPLINTAGGIO degli incisivi per il MANTENIMENTO del risultato raggiunto.

Estrazioni: A seconda del tipo di malocclusione, il piano di trattamento, potrebbe prevedere delle estrazioni di denti del giudizio o di altri denti come i primi premolari, per mantenere o ottenere i risultati desiderati.

Dieta e igiene orale

Apparecchio fisso


QUALI CIBI DEVO EVITARE:

Cibi che si attaccano ai denti e all’apparecchio, come gomme e caramelle possono danneggiare gli attacchi o consumare il cemento che li sostiene.
Cibi duri o croccanti come patatine, pop-corn o noccioline possono rompere gli attacchi. Tagliate a piccoli pezzi cibi come carote, mele o pane duro.
Evitare, se non seguiti da immediata igiene orale cibi come frutta secca.

PERCHE’ SPAZZOLARE FREQUENTEMENTE:

È importante spazzolare i denti dopo ogni pasto e spuntino, meglio se con uno spazzolino apposito per apparecchi (spazzolino ortodontico), per rimuovere la placca che si annida più facilmente intorno agli attacchi.
Brevi movimenti in avanti e indietro consentono di pulire sia i denti, che gli attacchi ortodontici. Spazzolare anche il bordo gengivale e la superficie masticatoria. Dopo aver spazzolato i denti, sciacquare molto bene. Alla fine, controllare denti ed attacchi da vicino con uno specchio ben illuminato.

E’ POSSIBILE PASSARE IL FILO INTERDENTALE CON L’APPARECCHIO FISSO:

È possibile passare il normale filo interdentale, aiutandosi con aghi passafilo che ne facilitano l’inserimento tra i denti e apparecchio, oppure con fili interdentali appositi per apparecchi ortodontici, dotati di un’estremità più rigida che ne agevola lo scorrimento.
Passare il filo interdentale tra dente e dente, facendolo scorrere sotto l’arco ortodontico, pulire la zona gengivale, strofinare il filo interdentale lungo la superficie dei denti e delicatamente attorno agli attacchi, cambiando il filo quando sporco.

CI SONO ALTRI PRODOTTI CHE MI POSSONO AIUTARE NELL’IGIENE ORALE

SCOVOLINI INTERDENTALI: adatti alla pulizia tra i denti e apparecchio ortodontico e nella pulizia interdentale, soprattutto dove ci siano degli spazi più larghi. Di varie forme e dimensioni, da scegliere in base allo spazio da pulire.

COLLUTTORIO AL FLUORO: il fluoro combinandosi con lo smalto dei denti aiuta a proteggerli dal rischio di carie.